Taxi del Futuro? Non più fantascienza

IT solutions, for your problems

Taxi del Futuro? Non più fantascienza

L’aziende di Mountain View entra con capitali e tecnologie nel mondo dei trasporti. Tra i possibili obiettivi dell’operazione quello di voler continuare lo sviluppo dell’auto senza conducente.

Le chiacchierate con il taxista durante gli spostamenti urbani, in futuro, potrebbero diventare solo un ricordo: l’auto pubblica che si presenterà sotto casa nostra per accompagnarci all’aeroporto o a un appuntamento di lavoro sarà infatti guidata da un computer e non avrà bisogno del conducente.
Google Uber Alles

rtr2cve6.630x360

Vi sembra uno scenario da fantascienza? Anche a noi, almeno per i prossimi 10-15 anni, ma le ultime notizie provenienti dalla Silicon Valley sembrano confermare l’interesse per questo business da parte dei grandi nomi della tecnologia.

E’ infatti di qualche giorno fa la notizia che Google ha investito oltre 250 milioni di dollari in Uber, una start-up che grazie a un’applicazione permette di prenotare un’auto blu con autista a prezzi particolarmente concorrenziali (ma a costi superiori rispetto a un normale taxi).
Si tratterebbe del più grande investimento mai fatto da Big G in una startup ed è stato confermato dal General Manager di Uber in Italia.
Ma perchè Google dovrebbe entrare nel mondo dei trasporti? Le ipotesi sono molte e tra questa c’è anche quella di voler mettere a frutto gli investimenti fatti negli ultimi cinque anni nelle auto driverless, cioè senza conducente.

Obiettivo principale sarebbe quello di realizzare flotte di taxi senza autista da dispiegare nelle nostre metropoli per sostituire i vetusti taxi. La notizia è stata ripresa da molti siti italiani e stranieri che hanno riportato anche lo scontento dei taxisti per questa infausta novità.

Non ci resta che aspettare e sperare in un giro di prova .

Nessun commento

Aggiungi il tuo commento