Doremi il braccialetto per gli anziani

Si chiama Doremi il braccialetto realizzato per la prevenzione del declino cognitivo negli anziani, al quale sta lavorando anche il dipartimento di informatica dell’Università di Pisa.

Success - Older people giving thumbs up

“Con Doremi– spiega il ricercatore Stefano Chessa – viene monitorata una giornata tipica, nella quale un utente segue le prescrizioni di un protocollo che consiste nel rispettare una dieta personalizzata e nell’eseguire alcuni esercizi fisici e cognitivi”. “Le azioni dell’utente – aggiunge – sono registrate in modo costante e discreto da un certo numero di sensori: l’utente indossa un braccialetto in grado di contare i passi e di misurare battito cardiaco e temperatura, mentre altri sensori in casa tengono traccia della posizione dell’utente e della presenza di ospiti e un tappeto intelligente misura il peso e l’equilibrio”.

Tutte le informazioni raccolte vengono usate per valutare il miglioramento progressivo delle capacità fisiche e cognitive e per rilevare eventuali anomalie da segnalare ai medici. I segnali provenienti dai sensori vengono filtrati e analizzati usando tecnologie dette di ‘machine learning’, nello specifico reti neurali artificiali: “Queste tecnologie – conclude Chessa – si ispirano al funzionamento del cervello umano, ma sono in realtà componenti software in grado di associare sequenze di segnali provenienti dai sensori a sequenze note osservate in precedenza. Così la rete neurale è addestrata a riconoscere certe situazioni, come ad esempio semplici movimenti del braccio dell’utente basandosi su segnali provenienti da un accelerometro al polso, o più complesse, come la presenza di ospiti a cena”.

Email Facebook Twitter Linkedin Digg Delicious Tumblr Plusone Reddit Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *